Cronaca
Operazione sicurezza
“Grande fratello”anche in piazza Arche
pubblicato il 21 aprile 2017 alle ore 11:49
immagine
Piazza Arche: le proteste dei residenti invocano misure di sicurezza

Mantova Grida di vittoria in viale Fiume: l’assessore Iacopo Rebecchi, titolare della mobilità e sicurezza, ha messo a segno il colpo da 60mila euro, su bando Ue, che gli consentirà di completare entro l’anno l’anello di videosorveglianza attorno alla città. Un complesso di “spie” leggi-targhe collegate con le banche dati del ministero dell’interno per sapere in tempo reale quali macchine transitano senza assicurazione o senza bollo, o quali siano rubate. E non è tutto qui. Il piano di videosorveglianza, assicura Rebecchi, atteso in giunta nelle prossime settimane, comporterà anche “piani speciali”, oltre che per i quartieri di Colle Aperto e Valletta Valsecchi, anche per alcune aree particolarmente problematiche del centro storico. Passata la buriana di piazza Cavallotti, spiega Rebecchi, si sta mettendo mano, su segnalazione dei residenti, ance a piazza Arche, dove sono stati rilevati plurimi casi di spaccio di droga, risse tafferugli nei pressi dell’agenzia di scommesse. Telecamere anche qui; dopodiché toccherà a piazza Sordello.

Commenti