Cronaca
Non interessano alla nostra città
I cimeli di Learco Guerra se ne vanno a Milano
pubblicato il 21 aprile 2017 alle ore 12:04
immagine
La gigantografia di Guerra in partenza

Mantova Più volte abbiamo parlato di un ipotetico museo del ciclismo dedicato a Learco Guerra, il campione che ha entusiasmato le folle divise, nel tifo, fra la locomotiva umana e Alfredo Binda. Mantovano, Learco avrebbe meritato qualcosa in città; invece, a furia di rinvii, ecco che buona parte dei cimeli, delle bici, delle maglie di campione del mondo e d’Italia, si trasferiscono a Milano. L’iniziativa è firmata da Learco, Carlo e Attilio Guerra, i primi due nipoti del campione, il terzo (figlio di Carlo) pronipote che il 10 maggio -anniversario della prima maglia rosa al giro d’italia (1931) conquistata da Learco sul traguardo di Mantova- inaugureranno in via Savona, 129 vicino a via Stendhal, che fu residenza milanese del campione, il Pink Jersey 1931, negozio showroom che nelle intenzioni degli organizzatori dovrebbe diventare il luogo di riferimento per ciclisti, appassionati delle bici e per chi desideri trascorrere il tempo libero in ambienti dal calore ed atmosfere unici.
 

Commenti