Provincia
L'assessore regionale Fava risponde alle critiche del M5S
Sovrappasso sì, ma non incondizionato
pubblicato il 4 agosto 2017 alle ore 12:18
immagine
Sovrappasso sì, ma non incondizionato

Bozzolo BozzoloPorgettualità e impegno da parte di amministrazioni e privati, due caratteristiche indispensabili per ottenerei fondi da Regione Lombardia. Questa, in sintesi, la risposta che l’assessore regionale   Gianni Fava  ha dato al consigliere regionale del M5S  Andrea Fiasconaro  a proposito del sovrappasso ferroviario  in quel di Bozzolo. L’esponente pentastellato ha, infatti, recente rivelato  che dal Pirellone non ci sarebbe  nessuna intenzione di finanziare alcun lavoro per rimediare all’anno problema che crea disagio agli automobilisti e ai residenti:  lunghissime soste al passaggio livello che resta chiuso a volte per decine e decine di minuti, anche dopo il transito dei  treni  formando code impressionanti che in certi casi si allungano pericolosamente sino alla ex statale SS10,  la strada che collega Mantova a Cremona. Fava spiega che non si può pretendere di andare in Regione a chiedere soldi per questo o quel progetto senza nulla in mano. Come se si pretendesse di trovare al Pirellone  l’albero della manna che elargisce contributi facendoli piovere dal cielo. L’assessore, essendo tra l’altro residente nell’Oglio Po, ha ovviamente a cuore le questioni che riguardano il suo territorio. «Non si può pretendere di avere tutto senza impegnarsi direttamente - spiega -. Se nessun soggetto pubblico o privato  ci metta la faccia non si giunge a nessuna conclusione».  L’assessore in sostanza lascia capire che i Comuni o gli imprenditori devono mostrarsi in prima linea dimostrando impegno e volontà  mettendoci del proprio . Dopodichè la Regione sarà in grado di decidere e coprire finanziariamente quella parte di risorse mancanti per sostenere l’opera che si vuole realizzare. «Un pò come sta accadendo con il Palafarina di Viadana dove l’amministrazione  comunale viene sostenuta, oltre che dalla copertura assicurativa  anche da un cospicuo intervento regionale». (r.p.)

Commenti