Cronaca
Denunciato un 36enne. Caccia al complice
Ritrovato un dipinto del 600 rubato in città
pubblicato il 8 agosto 2017 alle ore 12:34
immagine
Ritrovato un dipinto del 600 rubato in città

Mantova Gli agenti della questura di Mantova hanno recuperato un prezioso dipinto trafugato il mese scorso da un'abitazione del centro cittadino. Per questo furto è stato denunciato un 36enne, mentre sono tuttora in corso ulteriori indagini per identificare i suoi complici. Il dipinto che era stato rubato è una tela della fine ‘500 inizi ‘600 in olio, raffigurante una componente della famiglia De Medici, presumibilmente Maria De Medici, attribuita alla scuola del noto pittore fiammingo Van Dyck. La tela, che appartiene  da numerose generazioni a una famiglia di Mantova era nell'abitazione di S.A. (la questura ha fornito solo le inziali del proprietario) deceduto lo scorso giugno. La sera dello scorso 27 luglio il fratello, rientrato dalle vacanze, si era acorto del furto avvenuto in casa del defunto fratello, e aveva chiamato la polizia. L’ opera, il cui valore economico era stato stimato tra fra i 60 e gli 80mila euro era fissata ad una cornice posta sul pavimento di una delle stanze, coperta da teli, e i malfattori l’avevano tagliata, servendosi presumibilmente di un coltello, al fine di asportarla più facilmente. Le immediate indagini intraprese dalla polizia e l'acquisizione di ogni utile elemento investigativo collegato all’ampio bagaglio info-investigativo del personale della Sezione reati contro il patrimonio, ha permesso di indirizzare le indagini nei confronti di un gruppo di stranieri gravitanti nel capoluogo e dediti alla commissione di furti e rapine. L’indagine condotta senza l’ausilio di supporti tecnologici ma basata soprattutto sulla conoscenza del territorio, dei soggetti in essa gravitanti e con metodologie “tradizionali” ha consentito agli investigatori di individuare, in pochi giorni uno dei soggetti coinvolti: S.E. di anni 36 che è stato rintracciato e presso l‘abitazione del quale è stata successivamente rinvenuta la tela. L’opera si presenta in buone condizioni e dopo gli ulteriori accertamenti del caso verrà restituita al legittimo proprietario. Il 36enne è stato denunciato, a piede libero, per il reato di furto in abitazione aggravato in concorso. Sono tuttora in corso indagini per l’identificazione del secondo malvivente.

Carlo Doda
Commenti