contatti    pagina facebook   pagina twitter
HOME Cronaca Provincia Eventi e Società Rubriche Sport Foto Video Contatti
Sport
Calcio Eccellenza
Mambrin: “La Castellana darà tutto nel derby”
Parla il veterano: “Contro la Governolese punto su Ottolini: deve solo sbloccarsi”
pubblicato il 4 ottobre 2017 alle ore 22:27

Castel Goffredo  Il derby di domenica al “Comunale” di via Svezia sarà un crocevia importante per la Castellana di Francesco Vincenzi, ancora a bocca asciutta dopo tre gare di campionato e quattro turni complessivi. La Governolese è forse uno dei peggiori avversari che potessero capitare in questo momento: nonostante la sconfitta casalinga col Vobarno è una squadra in salute (nove punti nelle precedenti tre partite) e ha degli elementi in grado  di fare male. Dal canto suo invece la Caste è ancora a secco di gol.
«Il derby cade a fagiolo - dice il veterano  Filippo Mambrin, uno dei pochi elementi di spicco rimasti a Castel Goffredo in estate - abbiamo tante motivazioni e nessuno di noi pensa di avere demeritato nelle prime tre partite. Cerchiamo di dare il massimo».
 Cosa serve per battere la Governolese?
«Adesso va di moda dire l’umiltà, ma è la pura verità. Abbiamo di fronte un avversario forte con singoli molto talentuosi. D’altro canto non possiamo e non dobbiamo avere paura. Dobbiamo essere consapevoli dei nostri punti di forza e dei nostri limiti»,
 Però la classifica piange e non avete ancora segnato...
«Ci manca la concretezza: dobbiamo sbloccarci. Questa è una squadra giovane, e deve imparare a sbagliare il meno possibile. In questa categoria non puoi permetterti certi errori. Ma stiamo crescendo, le qualità ci sono e l’allenatore è preparato».
 Come sarà ritrovare Mariani da avversario?
«Gliene ho già dette abbastanza nei mesi scorsi... A parte gli scherzi, Giulio è sempre un amico, un giocatore fortissimo che in questi anni ci ha dato una mano fondamentale. Adesso ha scelto di prendere un’altra strada e vivere una nuova sfida, è una scelta rispettabile dal suo punto di vista».
 In queste giornate avete giocato con diversi moduli: quale potrebbe essere quello più adatto per vincere?
«A tre o a quattro non importa: il mister sa che ci adattiamo a tutte le situazioni. La differenza sta tutta nello spirito di squadra e nel modo di stare in campo».
 Chi potrebbe essere il vostro uomo del match?
«Punto tutto su Ottolini: è tecnicamente fortissimo, ma deve ancora trovare una sua dimensione in questa categoria. Ha dei fondamentali importanti, gli manca un po’ di cattiveria che in questa categoria è fondamentale».

 

Luca Giacomelli
Commenti