Cronaca
Dopo la rissa in piazza Cavallotti
Battaglia tra giunta e opposizione
pubblicato il 14 novembre 2017 alle ore 11:48
immagine
Intervento dei carabinieri in corso Libertà, zona Carrefour.

Mantova In attesa che l’accoltellatore di piazza Cavallotti venga trovato si muove la politica cittadina. Sugli scudi ci sono soprattutto gli esponenti delle opposizioni. In prima fila il consigliere Luca de Marchi, primo firmatario di una interrogazione al sindaco Mattia Palazzi in cui chiede conto tanto di quest’ultimo che dei precedenti episodi di violenza nella famigerata zona di piazza Cavallotti e di cosa intenda fare al riguardo, mentre il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, Pier Luigi Baschieri, propone un mese di presidio h24 per tentare di risolvere il problema. Una prima risposta arriva dall’assessore alla vigilanza Iacopo Rebecchi, che a proposito di questo episodio ha già anticipato che il Comune chiederà che venga fissata in prefettura al più presto una riunione del Comitato per la Sicurezza, «dove chiederemo un controllo coordinato di piazza Cavallotti dai vari enti di pubblica sicurezza». Sempre alla prefettura si rivolge anche Baschieri quando chiede che venga istituito in zona un presidio attivo 24 ore su 24 per almeno un mese. 

Commenti