Cronaca
La procura intende convocarlo di nuovo
Per Palazzi l’interrogatorio non è ancora finito
pubblicato il 30 novembre 2017 alle ore 11:21
immagine
Mattia Palazzi (al centro) mentre si reca in procura per essere sentito dai Pm

Mantova Il sindaco Mattia Palazzi è stato sentito su tutti i punti dell’indagine. Con ogni probabilità sarà sentito più avanti ma non nell' immediato. È l’unica persona attualmente iscritta nel fascicolo d’indagine per tentata concussione continuata, capo d’imputazione che per quanto possa essere provvisorio per ora resta tale. Il procuratore capo Manuela Fasolato è persona di poche parole con la stampa, ma le sue parole sono di una precisione chirurgica. Così, pur non svelando nulla riguardo a quanto è stato detto nel suo ufficio al primo piano del palazzo di Giustizia via Poma, fa sapere che l’unico indagato di questa vicenda che definisce “molto delicata” sarà nuovamente convocato dai magistrati per un ulteriore interrogatorio. Questo perché ci si aspetta che nel frattempo emergano nuovi elementi da questa indagine o per dare al sindaco di Mantova tutto il tempo necessario per ricordare con precisione quanto “sfuggito” durante le tre ore di interrogatorio dell’altro ieri? A questa domanda il capo della procura non risponde e fa accomodare i cronisti fuori dal suo ufficio spiegando anche che in questa fase delle indagini gli inquirenti possono mantenere riservato il nome di chi ha presentato l’esposto che ha dato il via all’intera vicenda che per ora vede un solo indagato: Palazzi.

Commenti