Sport
Calcio Serie D
Il Mantova alza la voce e scrive alla Lega
pubblicato il 1 dicembre 2017 alle ore 21:25
immagine

Mantova Il Mantova alza la voce contro l’Union Feltre. Lo aveva già fatto giovedì con  Renato Cioffi, che aveva definito senza mezzi termini “una presa per il c...” il cambio di campo comunicato in extremis per il match di domenica: dall’erba naturale di Feltre a quella sintetica di Pedavena. Ieri il club di viale Te si è rivolto nientemeno che alla Lega Nazionale Dilettanti. «Abbiamo espresso le nostre rimostranze - spiega il ds  Rino D’Agnelli - . Siamo sorpresi e sconcertati per l’atteggiamento dell’Union Feltre. Se avessimo saputo prima del cambio di campo, avremmo impostato diversamente la settimana, preparandoci su un campo sintetico. Non solo: oggi (ieri,  ndr) ci hanno comunicato che, su quello stesso campo, prima della nostra partita, giocheranno gli Allievi. Quindi non potremo nemmeno prendere confidenza col terreno, e nemmeno i nostri magazzinieri potranno accedere all’impianto prima di una certa ora. Infine, abbiamo scoperto che si riesce a vedere la partita anche dall’esterno, senza entrare nello stadio: che senso ha allora il divieto di vendita biglietti per i nostri tifosi?».
D’Agnelli è furibondo, e del resto per il Mantova non è stata una settimana serena. Le prime mosse di mercato hanno creato agitazione nello spogliatoio: non per l’arrivo dei vari  Aldrovandi (l’unico già tesserato e quindi disponibile per domenica),  Traditi e  Minarini, ma per le partenze di  Ferraro e  Felici. «Il nostro obiettivo - spiega il ds - è ringiovanire la rosa e allo stesso tempo migliorarla. Purtroppo a volte è necessario anteporre la testa al cuore. E questo è uno dei quei casi. Mossa controproducente per il morale della squadra? No, lo escludo. I ragazzi sono effettivamente dispiaciuti e li comprendo. Ma sono anche dei professionisti seri, che oggi (ieri,  ndr) si sono allenati benissimo dimostrando di essere entrati in clima partita. Tutti sono importanti, nessuno è indispensabile. Lo stesso Ferraro in questi giorni si è comportato da grande capitano ed è anche grazie alla sua intelligenza che i giocatori hanno ritrovato la serenità necessaria».

Redazione Sport
Commenti