Cronaca
Entro gennaio la posa dei cassonetti in zona A
Rifiuti, nuovo budget al risparmio e più controlli
pubblicato il 2 dicembre 2017 alle ore 11:45
immagine

Mantova Le commissioni consiliari del Comune in questi giorni lavorano a pieno ritmo per affrontare i bilanci che confluiranno nella definizione dell’esercizio previsionale di via Roma. Già sono stati esibiti i piani industriali delle partecipate, e in particolare quelli della Tea hanno manifestato – come pure annunciato dall’assessore al bilancio Giovanni Buvoli – il proposito di non aggravare ulteriormente i costi delle bollette per la raccolta delle spazzature. Un servizio, questo, che a Mantova Ambiente (ramo ecologico della multiutility) verrà a costare nel 2018 una cifra equiparabile a quella del 2017, nonostante il drastico cambio di rotta per la raccolta nella Zona A (la più centrale del comprensorio urbano). Si parla di 10.488.700,25 euro, che corrispondono a circa 5mila euro in meno del bilancio precedente (detto per stima prudenziale). Una flessione dei costi, spiega l’assessore all’ambiente Andrea Murari, nonostante il nuovo sistema di raccolta attraverso cassonetti a badge comporterà un costo iniziale non indifferente per la società. Di questa mini-rivoluzione vedremo gli effetti già il prossimo gennaio, non appena gli organi di tutela paesaggistica
avranno dato l’ok alla collocazione dei contenitori in 20 piazzole ecologiche, la cui mappatura ad oggi rimane top.

Commenti