Cronaca
Il consigliere De Marchi denuncia casi di accattonaggio molesto agli Angeli
Questuanti “senza pietà” davanti al cimitero
pubblicato il 11 gennaio 2018 alle ore 15:42
immagine
Mendicanti sul “posto di lavoro” all’ingresso del cimitero di Borgo Angeli

Mantova - Questuanti molesti, parcheggiatori e venditori abusivi. L’ultima frontiera di questo degrado è il cimitero monumentale di Borgo Angeli, fa notare il consigliere comunale Luca De Marchi, costantemente a caccia di situazioni di degrado. «Per molti - spiega De Marchi -, non è il luogo adatto per chiedere l’elemosina, magari in maniera petulante, se non fastidiosa. In cimitero si entra in uno stato d'animo particolare e molti preferiscono non avere interferenze, in quel momento. È per questo che arrivano tante lamentele - conclude - per la frequente presenza, al cimitero di Mantova di persone che domandano l’elemosina e che si allontanano all’arrivo delle forze dell’ordine per poi tornare “al lavoro” quando se ne vanno». (r.c.)

 

 

Commenti