Cronaca
Continua il braccio di ferro tra amministrazione e automobilisti
Poma, ogni giorno una trentina le multe
pubblicato il 11 gennaio 2018 alle ore 17:27
immagine
Una delle zone più “calde” per le multe nel parcheggio del Poma

Mantova - Altre 31 multe - mercoledì 10 gennaio - sono state depositate sui parabrezza di altrettanti mezzi parcheggiati in spazi non consentiti all’esterno dell’ospedale Carlo Poma. Il tutto è avvenuto in mattinata, su richiesta dell’azienda ospedaliera. Per il 2018 è già un record. Lunedì e martedì i tagliandi rosa erano stati infatti rispettivamente 23 e 24, il che porta ad un totale di 78 ammende, ognuna delle quali di un valore compreso tra i 40 e gli 80 euro, a seconda dell’infrazione contestata. Tra azienda e pazienti-accompagnatori è ormai battaglia. Da una parte ci sono le esigenze del Carlo Poma di mantenere le necessarie condizioni per circolare agilmente all’interno dell’area - dove le ambulanze devono avere il necessario spazio di manovra - mentre dall’altra c’è la necessità di chi deve recarsi al Poma per visite e ricoveri trovandosi impossibilitato a percorrere lunghe distanze a piedi. Una diatriba che prosegue ormai dai primi giorni dello scorso anno quando iniziarono a fioccare le prime multe. La situazione non sembra però cambiata. I parcheggi “selvaggi” continuano ad essere una realtà, così come i pazienti che non sono in grado di sobbarcarsi un lungo viaggio sulle proprie gambe. I posteggi non consentiti più gettonati sono quelli delle isole che separano strada Lago Paiolo dalla strada ciclabile e il tratto di parcheggio parallelo alla strada (a pochi metri dal distributore) molto vicino ad una delle entrate per gli automezzi. Una soluzione, attualmente, sembra lontana. (r.cro.)

 

 

 

Commenti