Provincia
Bruciata una montagna di euro nel 2016 - Il sindaco: “Situazione preoccupante”
Solferino, giocato alle slot 1mln e mezzo in un anno
pubblicato il 11 gennaio 2018 alle ore 20:33
immagine
A Solferino nel 2016 bruciato 1mln e mezzo di euro alle slot

Solferino - Un milione e mezzo di euro spesi nel corso del 2016 per il gioco d’azzardo. La comunità collinare di Solferino si trova a fare i conti con una situazione che il sindaco Gabriella Felchilcher non ha timori a definire preoccupante. Del resto un po’ in tutta la provincia di Mantova le giocate di certo non mancano (nel territorio virgiliano nel corso del 2016 sono stati giocati qualcosa come 510 milioni). Il caso di Solferino è emblematico: nel 2016 gli appassionati del gioco d’azzardo hanno infatti riversato nelle macchinette tipo slot macchine un milione e 450mila euro. Considerando che che nel 2016 la popolazione solferinese era di 2mila e 642 abitanti, ne risulta che ogni solferinese ha giocato 547 euro e 6 centesimi. Ovviamente si tratta di una stima non del tutto veritiera. Anzitutto può essere infatti che anche persone non residenti a Solferino abbiano giocato alle macchinette. Ma, soprattutto, c’è un dato più preoccupante: nella conta della popolazione sono compresi anche i bambini. Difficile che questi ultimi siano dediti al gioco d’azzardo e alle macchinette slot machine. Ne risulta quindi che gli adulti dediti al gioco d’azzardo, a conti fatti, abbiano speso in media una cifra superiore ai 547 euro a testa che risultano dagli studi eseguiti di recente a livello nazionale. «La situazione - ha spiegato il sindaco Felchilcher - è preoccupante. Il nostro Comune ha già lavorato e sta lavorando per contrastare il gioco d’azzardo insieme con altri Comuni e con gli enti preposti. Ma di certo ritengo che la situazione che caratterizza Solferino non sia delle migliori. Per questo bisogna lavorare in modo costante per fermare quanto più possibile il gioco d’azzardo. Pensiamo a quanto viene speso per tale pratica - ha concluso con una nota polemica il sindaco - e guardiamo a quanto accaduto negli ultimi giorni per le borsine biodegradabili. È una situazione paradossale». (r.pro.)

 

Commenti