Provincia
Hanno devastato il villaggio di Babbo Natale a Guastalla - Sono pentiti e pronti a risarcire
I vandali della Befana sono due 22enni di Gonzaga
pubblicato il 12 gennaio 2018 alle ore 19:18
immagine
Alberi ribaltati dai due giovani a Guastalla

Gonzaga/Guastalla - Individuati dalle telecamere, hanno ammesso le loro responsabilità dichiarandosi pentiti e pronti a pagare i danni: sono due ragazzi di 22 anni, entrambi residenti a Gonzaga che, grazie alle indagini della Polizia Municipale di Guastalla, sono stati individuati come i responsabili del raid vandalico che, nel giorno dell’Epifania, aveva devastato il villaggio di Babbo Natale nella cittadina reggiana. Le telecamere di videosorveglianza hanno infatti ripreso i due - probabilmente in stato di ebbrezza - mentre distruggevano la slitta di Santa Claus, alcuni alberi di Natale e dei pacchi dono, per poi proseguire in una via adiacente dove hanno rovesciato e incendiato alcuni cestini dei rifiuti nonchè, a quanto sembra, importunato due donne - madre e figlia - e suonato ai campanelli di alcuni condomini. Il Comune di Guastalla, che aveva presentato denuncia, ha convocato i due ragazzi - incensurati e, a quanto sembra, mai protagonisti in passato di episodi anche solo lontanamente assimilabili a quello dello scorso 6 gennaio - che hanno ammesso le loro colpe e si sono detti pronti a pagare i danni. Una bravata che costerà caro ai due giovani che, in caso di condanna penale, potrebbero vedere la loro pena commutata in un periodo di lavori socialmente utili nel comune reggiano. Insieme ai due ragazzi vi era un terzo giovane - secondo quanto ripreso dalle telecamere - che, con un certo buon senso, non aveva partecipato al raid vandalico cercando anche di impedire ai due amici di fare altri danni.

Nicola Antonietti

 

Commenti