Cronaca
Mantovano nel mirino degli hacker
Come “guadagnare” 15 milioni di dollari sul web
pubblicato il 10 febbraio 2018 alle ore 21:42
immagine
Ennesimo tentativo di “pescaggio” di dati segnalato alla Polizia Postale

Mantova - Certa gente ha tutte le fortune. Si sveglia al mattino e si ritrova tra capo e piedi la possibilità di fare 15 milioni di dollari senza muovere un dito o quasi. È l’importanza di chiamarsi Giovanni, stando almeno all’origine di tutte queste fortune. Una truffa il cui successo è a dir poco improbabile, ma in questi casi mai dire mai. Uno dei destinatari dei 15 milioni di dollari di cui sopra, è un mantovano che ha la “fortuna” di chiamarsi Giovanni, nome proprio che però è stato preso per cognome da chi lo ha contattato tramite messenger. A chiedere di entrare in contatto con il nostro Giovanni è stato un executive manager di una banca di Dubai. Il nostro executive manager, un modo più figo per definire un ragioniere, risulta assunto alla Emirates Bank e altro di Dubai dallo scorso 3 febbraio. Roba recentissima, ma il nostro si è già messo al lavoro e ha trovato chi cercava: Giovanni. Impresa tutt’altro che difficile; il mondo è pieno di gente che si chiama Giovanni, ma lui spera di avere trovato quello giusto. Come il ragionier Executive spiega, lui sta curando gli interessi di un suo amico di cui faceva il contabile, tale Peter Giovanni, che nel 2005 nella stessa banca di Dubai aprì un conto che doveva durare 108 mesi (9 anni). Il conto era da 30 milioni di dollari e la scadenza era per il 22 gennaio 2016. In quella data, spiega il ragionier Executive, la banca aveva cercato di contattare l’intestatario, e si era scoperto che Peter Giovanni era fra le 3505 vittime del terremoti che aveva devastato l’isola di Java il 17 maggio 2006. Peter non era sposato, non aveva figli, niente fratelli, sorelle nessun parente. Insomma questo era solo al modo con 30 milioni di dollari in una banca di Dubai. Una fortuna che sta per passare nelle tasche dei banchieri se non che il ragionier Executive, contabile nonché amico di vecchia data dello scomparso Peter, ritenendo ingiusto che tutti quei soldi se li mettano in tasca chi le tasche le ha già piene, si è messo alla ricerca di quello che può essere anche lontanamente parente di Peter per impedire tutto ciò, e se il signor Giovanni da Mantova gli darà una mano oltre al suo indirizzo e-mail e a seguire le sue coordinate bancarie, è disposto a fare a metà: fifty-fifty di 30 che fanno 15 milioni. Mica male. «Che faccio? A me sembra una cosa un po’ strana», ci ha detto Giovanni contattandoci. Gli abbiamo suggerito di andare alla Polizia Postale. «Va bene - ha detto -. Spero che mi facciano sapere alla svelta, perché poi devo dare una risposta a questo qui della banca di Dubai». Questo perché in un mondo pieno di Giovanni uno spera di trovare quello giusto tramite messenger. Mai dire mai. (r.cro.)

Commenti