Cronaca
Elezioni politiche e regionali
Un centrodestra unito per dare stabilità a Lombardia e Italia
pubblicato il 11 febbraio 2018 alle ore 13:32
immagine
Il gruppo dei candidati di centrodestra alle elezioni politiche e regionali

Mantova - Un centrodestra unito e compatto per poter dare stabilità all’Italia e alla Regione Lombardia. È questa la ricetta semplice, ma efficace della coalizione tra Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega e "Noi con l’Italia" per poter ottenere la maggioranza alle prossime elezioni. "La nostra intenzione è quella di governare o di fare una dignitosa opposizione – questo è l’aut aut che si sono dati i vari esponenti di Fratelli d’Italia e che è stato condiviso da tutta la coalizione. – Non accetteremo un 'inciucio' con gli avversari che non permetterà all’Italia una continuità di idee e di fatti". Un programma concreto, quindi, che non lascia spazio alle possibilità di retorica. "Ci sono dieci punti fondamentali che vogliamo portare avanti come coalizione – ha spiegato la candidata al Senato nel collegio uninominale, Isabella Rauti – e quelli che vogliamo sviluppare sul territorio lombardo riguardano la sicurezza, la cultura, le infrastrutture, l’ambiente e il lavoro. Mantova è una città che merita un sistema lavorativo e di sicurezza maggiore per quello che ha da offrire, così come le infrastrutture le devono permettere di essere in contatto con le altre due regioni con le quali confina. Qualora dovessi essere eletta, la mia voce in Senato permetterebbe ai mantovani di avere un punto di riferimento costante per tutti i progetti di miglioramento sul territorio". Assieme ad Isabella Rauti, già esponente e capolista per Fratelli d’Italia, al tavolo dei relatori si sono seduti anche la candidata per il collegio plurinominale, Anna Lisa Baroni, di Forza Italia, il Consigliere Comunale goitese Mario Cancellieri per "Noi con l’Italia" ed il candidato per il collegio uninominale della Camera, Andrea Dara, della Lega. Il territorio mantovano, per la coalizione di centrodestra, è visto come una realtà che necessita di maggiori punti di contatto tanto con la Regione quanto con Roma, visto e considerato il patrimonio in ambito culturale e industriale che possiede, senza dimenticare tutte quelle realtà della piccola e media impresa che costituiscono la maggioranza della produzione nazionale in ambito di impresa e lavoro.

Mendes Biondo

Commenti