Cronaca
Albanesi contro brasiliani
Pugni fra le giostre di viale Te: lotta tra gang
pubblicato il 12 febbraio 2018 alle ore 16:13
immagine
Il luna park di viale Te, teatro della rissa

Mantova - Lo stavano cercando perché era fuggito dopo avere provocato un incidente stradale. Lo hanno trovato in ospedale tra i feriti di una rissa dove pare stesse accorrendo quando era rimasto coinvolto nell’incidente. Tutto in un pomeriggio per un 22enne albanese di Lunetta, che non ha esitato a proseguire per la sua strada senza preoccuparsi più di tanto delle condizioni del conducente di un’auto con cui aveva avuto un incidente; tutta questa fretta perché i suoi amici lo avevano chiamato chiedendogli aiuto per affrontare un gruppo di giovani, brasiliani pare, con cui avevano appena liltigato mentre erano sul luna park del Te. Il bilancio della prima rissa tra ragazzi sul luna park del Te ha visto dunque il coinvolgimento anche di un pirata della strada. Carabinieri di Mantova e Polizia Stradale di Ostiglia sono al lavoro per ricostruire le due vicende che si intersecano tra loro. Tutto sarebbe cominciato verso le 15.30 di venerdì 9 febbraio, quando è scoppiata una lite tra giovani sul luna park. Da una parte un gruppetto di albanesi, dall’altra alcuni brasiliani. La zona in cui è iniziata la discussione (chiamiamola così) è la solita nei paraggi dell’autoscontro, e  muovere il tutto sono i soliti futili motivi. Insomma niente di nuovo sul Te nel 2018 come nel secolo scorso. Tra i due gruppi sono volate le solite parole e un primo intervento delle Forze dell’ordine in zona non ha fatto altro che rinviare lo scontro. Nell’attesa qualcuno ha chiamato i rinforzi. Tra questi un 22enne albanese che abita a Lunetta, che al richiamo degli amici ha risposto subito “presente”. Il giovane, che pare non fosse in città, si è fatto prestare l’auto, una Opel Corsa, ed è partito a razzo in direzione del luna park del Te. Nella fretta sarebbe andato a sbattere contro un’altra auto, proseguendo verso la città. Il conducente dell’altro mezzo però ha fatto in tempo ad annotare la targa della Opel Corsa e l’ha riferita agli agenti della Polizia Stradale di Ostiglia, intervenuti sul posto per i rilievi. Quando questi si portavano in ospedale per sentire il ferito (che è stato poi dimesso con una decina di giorni di prognosi), scoprivano che il pirata della strada era a sua volta finito al Poma per le lesioni riportate nella rissa cui aveva fatto in tempo a prendere parte. Il 22enne è stato così denunciato per fuga dopo l’incidente ed omissione di soccorso dalla Polizia, mentre i carabinieri starebbero procedendo nei suoi confronti, oltre che di altri giovani, per la vicenda della rissa tra le giostre del luna park del Te.

Carlo Doda

Commenti