Provincia
Domenica alla corte di Re Gnocco
Castel Goffredo: un Carnevale diverso, ma di successo
pubblicato il 12 febbraio 2018 alle ore 21:11
immagine
Decine di maschere hanno sfilato sulla passerella allestita dalla Pro loco

Castel Goffredo - Venti giorni di preparativi, un conto alla rovescia molto scandito e uno spettacolo circense per un gran Carnevale. È stato certamente uno spettacolo più unico che raro quello tenutosi domenica 11 febbraio a Castel Goffredo: unico nelle polemiche e per lo stress suscitato in tutti coloro che lo hanno seguito sia da dentro che fuori, dall'ideazione fino all'organizzazione. Raro perchè, forse, come soluzione e alternativa al Re Gnocco, non sarà ripetuto. Come detto, nella piazza comunale il tema 2018 è stato quello circense, come annunciato da Lara Reale, presidente della Pro loco. Tra i personaggi che sono sfilati sulla passerella allestita per l’occasione c’erano: la fata Argentina, l’equilibrista, Grace, la leonessa, il domatore, la padrona del circo, il principe del tortello amato e il presentatore del circo. Alla manifestazione ha partecipato anche la corte gonzaghesca dell’associazione “Venerdì gnoccolaro” che storicamente ha tenuto alta la bandiera di Re Gnocco. Presieduta da Carla Bertoni, il sodalizio ha così promosso e custodito la tradizione dei tre giorni del periodo pre-quaresimale. Dopo il saluto delle autorità, Moreno Franzoni ha presieduto ed assistito ad una doppia parata tra contrade e maschere. Due giurie, una delle contrade e una delle associazioni, hanno valutato le contrade, Lodolo, della Piazza, dei Romanini e dei Berenzi e anche  le maschere singole e di gruppo. Come vuole la tradizione del Carnevale di Castel Goffredo durante l’evento sono stati distribuiti piatti di gnocchi conditi con il ragù o con il  pomodoro: «Sono stati serviti due quintali  di gnocchi - ha detto Luciano Cason, membro del direttivo Pro loco - per un totale di 1500 porzioni». A fare gli onori di casa è apparso sul balcone del municipio anche il sindaco, Alfredo Posenato, il quale ha ringraziao i volontari che si sono prodigati per la realizzazione e la riuscita dell’evento, e anche i suoi concittadini che hanno partecipato alla sfilata. La contrada che ha vinto è quella dei Berenzi mentre la piccola che vende le castagne è la mascherina premiata.  

Valentina Li Puma

Commenti