Aggredito in casa da due connazionali, 35enne finisce al pronto soccorso

L'uomo è stato medicato all'ospedale di Mantova

MANTOVA – Conosceva bene quelle due persone e per questo aveva provveduto a farle entrare in casa senza nessun problema. Ma una volta varcata la soglia ecco scattare l’aggressione perpetrata dalla coppia nei suoi confronti. Episodio violento, dai contorni ancora del tutto da chiarire, quello occorso l’altra sera alle porte del capoluogo. Erano infatti le 23.30 circa quando, da un’abitazione di viale Marche, quartiere di Lunetta, partiva una segnalazione al 118. Sul posto oltre ai sanitari anche una pattuglia della Squadra Volante della questura per far luce sulla vicenda. Vittima del presunto pestaggio un 35enne magrebino ristretto in regime di detenzione domiciliare. L’uomo rispondendo alle domande degli agenti ha quindi subito ricostruito l’accaduto indicando altresì il nome dei suoi aggressori, un uomo e una donna suoi connazionali – anch’essi già conosciuti alle forze dell’ordine – e nonchè residenti in quella stessa via. Stando al suo racconto infatti i due si sarebbero presentati da lui per risolvere una fantomatica questione legata alla sfera sentimentale; dopo aver discusso animatamente un po’ ecco i due passare dalle parole alle vie fatto. Per il 35enne percosso, trasportato al pronto soccorso del Carlo Poma la prognosi infine è stata di sette giorni; spetterà ora a lui decidere se presentare o meno querela verso gli altri due stranieri.