Alessandro Rossetto presenta Effetto domino

MANTOVA Ex-alberghi di lusso nella provincia italiana trasformati in case di riposo. Affari immobiliari che solleticano l’appetito di finanzieri orientali. Uno spietato ritratto di un territorio devastato, alla disperata ricerca di idee e risorse per rigenerarsi. Sabato 12 ottobre (ore 21.15) Alessandro Rossetto torna al cinema del carbone per presentare EFFETTO DOMINO, il suo nuovo lungometraggio presentato nella sezione Sconfini all’ultima Mostra del Cinema di Venezia.
Come nel precedente Piccola Patria è ancora il Nord Est protagonista del racconto. Con la consueta sensibilità antropologica, Rossetto ci presenta una società disperatamente votata al lavoro, nella vana speranza di un arricchimento ormai impossibile in un mondo nelle mani della grande finanza. Imprenditori edili, banchieri, piccoli operai si affannano a sventrare un territorio, a sovvertire quasi le leggi della natura in ragione di una speculazione edilizia che non ha più nemmeno la scusa di accompagnare lo “sviluppo”, ma che cerca nel business legato delle “città per vecchi” un’ultima opportunità di saccheggio. Una lotta di tutti contro tutti sullo sfondo di scenari più che attuali: la globalizzazione del capitalismo, l’inesorabile invecchiamento della popolazione, la dissoluzione dei legami comunitari.
A interpretare il film sono un potentissimo Marco Paolini (nei panni del banchiere Voeckler) insieme a Diego Ribon, Mirko Artuso, Roberta Da Soller, Lucia Mascino e Maria Roveran, co-autrice e interprete anche della colonna sonora.
Il film resterà in programmazione anche
Biglietto: intero 7 euro, soci cinema del carbone e under 25 5 euro.
Per informazioni: 0376.369860, info@ilcinemadelcarbone.it, www.ilcinemadelcarbone.it.

2 COMMENTI