Ciclismo pro – Mondiali, Affini quarto con la staffetta mista azzurra

Affini (secondo a destra) con gli azzurri

Mantova Si è aperta con un 4° posto l’avventura iridata del professionista mantovano Edoardo Affini, portacolori della Mitchelton Scott. Ieri ad Harrogate (Gran Bretagna) nella prestigiosa manifestazione che assegnerà le maglie di campioni del mondo, il corridore di Buscoldo ha dato il proprio contributo alla formazione azzurra per cercare di conquistare il podio nella specialità della cronometro a squadre mista. Con lui nella sezione maschile vi erano anche Elia Viviani e Davide Martinelli che al termine del loro giro, ovvero al momento di cedere il testimone al terzetto femminile, avevano fatto registrare il secondo tempo alle spalle dell’Olanda; formazione che si è aggiudicata la maglia iridata. La prova femminile, che ha avuto come protagoniste Elisa Longo Borghini, Elena Cecchini e Tatiana Guderzo, sembrava destinata a confermare la piazza d’onore. Purtroppo però un inconveniente, la foratura, ha condizionato la prestazione di Longo Borghini, che comunque ha reagito con determinazione raggiungendo le compagne di squadra riuscendo a chiudere appena sotto il podio con un ritardo di 4” nei riguardi della Gran Bretagna che si è piazzata terza. Sul podio, oltre all’Olanda, è salita anche la formazione mista della Germania che ha conquistato la piazza d’onore. Per quel che concerne la prova di Affini, nulla da eccepire in quanto l’atleta virgiliano ha confermato di trovarsi a proprio agio in contesti di questo spessore. «Come gruppo dobbiamo essere orgogliosi della nostra gara – ha commentato Viviani con un tweet subito dopo la crono -; solo la sfortuna ci ha impedito di salire sul podio».
Paolo Biondo

3 COMMENTI