Calcio a 5 Serie A – Garbisi sposa il progetto Bruschi Mantova

Daniele Bruschi e Cristiano Rondelli in conferenza stampa
Daniele Bruschi e Cristiano Rondelli in conferenza stampa

Mantova Svolta decisiva in casa Bruschi Mantova. Come anticipato qualche giorno fa dalla  Voce,  Alberto Garbisi, ex presidente del Castiglione, e patron della Tlc Comunication, ha deciso di entrare a far parte della famiglia Bruschi Mantova. L’annuncio è stato dato nella conferenza stampa organizzata dal club biancorosso, ieri pomeriggio, per fare il punto sulle vicende legate alle questioni societarie, sponsor e palazzetto.
«Gli imprenditori mantovani – ha esordito  Cristiano Rondelli – hanno chiuso le orecchie ancor prima di cominciare». A fargli eco il presidente  Daniele Bruschi: «La cosa anomala – spiega – è che abbiamo riscontrato maggior interesse da parte delle aziende nazionali che da quelle locali. In cinque anni abbiamo ottenuto dei risultati strepitosi. Ora vogliamo una risposta concreta». Detto, fatto. In collegamento telefonico è intervenuto l’ex patron del Castiglione, Garbisi, che con un coup de théâtre ha dato una notizia tanto attesa. «L’anno scorso il Bruschi ha fatto un’impresa incredibile. Faccio i complimenti a tutta la squadra e allo staff. E’ stato raggiunto un risultato storico ed è la realtà sportiva più importante sul territorio. Ora lo posso dire; sono pronto a dare una mano importante alla società». Come scritto nei giorni scorsi, il club virgiliano aveva fatto trapelare la possibilità che cambiasse il main sponsor. «Il mio sarà un coinvolgimento totale – spiega Garbisi -. C’è un progetto ampio che riguarda anche i giovani e la squadra femminile. Quindi ci sarà da lavorare. Possiamo puntare ad alzare l’asticella per sognare qualcosa d’importante».
Da una notizia all’altra: «Il mio coinvolgimento nel Mantova calcio a 5 – afferma in chiusura – esclude la possibilità che possa essere coinvolto nel Mantova Fc». Ora per il Mantova calcio a 5 può iniziare un percorso più ambizioso. Ma non finisce qui, perchè Bruschi e Rondelli stanno portando avanti la trattativa anche con mister Kaos  Marco Calzolari. «Ci sentiremo nei prossimi giorni per definire – spiega Rondelli -. Il suo coinvolgimento porterebbe dei vantaggi anche a livello tecnico». Con l’ingresso di Calzolari potrebbe cambiare il nome, da Bruschi a Kaos Mantova.
Intanto ci si muove per definire la questione palazzetto. Quella di venerdì sarà una giornata importante, perchè è in programma un incontro in Comune con Imemi Srl, che gestisce la Grana Padano Arena. Contemporaneamente il Bruschi dovrà presentare un progetto per portare il NeoLu a 430 posti. Poi si passerà alla presentazione della campagna abbonamenti. Sia che si giochi al Boma o a Lunetta, tessere a 80 euro e ingresso gratuito fino ai 14 anni. La società porterà avanti anche altri progetti: dal settore giovanile al progetto su Lunetta, per il coinvolgimento dei ragazzini. Insomma, il Mantova calcio a 5 è ormai a tutti gli effetti una realtà di riferimento per lo sport mantovano. (tom)

5 COMMENTI