Ultracycling – Giovanni Rossi, il maratoneta delle due ruote

Giovanni Rossi sul podio con lo sloveno Jug e Carretta

Treviso Grande piazzamento per il voltese  Giovanni Rossi, 37 anni, alla 24 ore del Montello, disputatasi il 3 e 4 agosto scorsi. L’amatore virgiliano, ora residente nel Bresciano, a Borno, è riuscito nell’impresa di laurearsi vice campione italiano di UltraCycling alla 24 ore del Montello, valevole anche per il tricolore di categoria. Per capire bene di cosa si tratti, ricordiamo che è ciclismo fatto di ultradistanze. Le gare hanno una durata minima di 24 ore e diverse variabili, come la gestione della nottata, della fatica e degli approvvigionamenti. Anche la distanza da percorrere, non è “tradizionale”. In queste gare è previsto il divieto di scia. Dunque, si corrono le distanze sostanzialmente “in solitaria”.
Sulla distanza dei 33.500 metri di Santa Maria della Vittoria, Giovanni Rossi ha compiuto la bellezza di 18 giri, totalizzando 603 km. Terzo assoluto, dietro lo sloveno Dejan Jug e dietro l’italiano  Federico Carretta. Considerando l’origine straniera del corridore che ha vinto, Carretta si è aggiudicato la maglia tricolore di specialità. Il voltese può dunque fregiarsi del titolo di vicecampione italiano.
«Abbiamo corso dalle 9 di mattina del 3 agosto, sino alle 9 del 4 – ha detto Rossi -, sono contento perchè all’una di notte del 4 agosto ero in quarta posizione e sono riuscito, nel restante tempo, a rosicchiare un’ora e venti al corridore che mi precedeva, andando a prendermi il podio. E’ la mia seconda partecipazione a questa gara: lo scorso anno ero riuscito a totalizzare solo 500 km e mi sono piazzato a metà classifica». Quest’anno l’exploit per l’atleta residente in Valcamonica, che non si ferma qui. «Il prossimo appuntamento sarà il 29 settembre al Time Trial di San Pietro di Feletto, sempre nel Trevigiano – conclude Rossi -, anche in questo caso punto a fare classifica».

3 COMMENTI