Calcio Serie C – Possanzini: “Mantova, col Lumezzane una vittoria pesante”

MANTOVA Altro successo per il Mantova, sempre più solitario in vetta alla classifica. Con un turno d’anticipo la squadra di mister Davide Possanzini si laurea campione d’inverno e ora sul trespolo attende i risultati di Padova e Triestina, che giocheranno oggi. Ma intanto in viale Te si festeggia questo nuovo trionfo: «Vittoria pesantissima – ha commentato il tecnico biancorosso – . Partita difficile, esattamente come immaginavo. Bravi i ragazzi perchè hanno interpretato la gara nel migliore dei modi, giocando quando c’era la possibilità per farlo e lottando quando la partita si è incattivita». Possanzini ha sempre detto di non voler guardare la classifica. Impossibile non farlo ora, Mantova in vetta con 44 punti e campione d’inverno con un turno d’anticipo: «Fa piacere senza dubbio. A livello morale e psicologico ci ripaga degli sforzi fatti fino a questo momento e siamo contenti. Questo deve essere un punto di partenza per continuare a migliorarci partita dopo partita». Tanto agonismo in campo, specialmente da parte dei bresciani: «L’hanno messa su quel piano chiudendosi nella loro area. Sul piano del gioco non c’è stata partita. Noi abbiamo giocato senza troppe forzature, a volte abbiamo trovato gli spazi. I ragazzi mi stupiscono ogni volta e sono soddisfatto».
Per Galuppini gol a Vicenza e gol vittoria con il Lumezzane. È senza dubbio il suo momento: «È un giocatore forte, esattamente come Mensah. Non devono mollare e devono spingere sull’acceleratore». Tante polemiche sull’arbitro da parte del pubblico virgiliano e non solo: «In un campo di calcio, se si nota l’arbitro, bisogna farsi delle domande. Senza colpevolizzare nessuno, ma qualche domanda bisogna farsela». Burrai ammonito salterà Legnago: «Mancherà, ma sono tranquillo, ho un sacco di giocatori bravi. Ammonizione studiata? Neanche fosse il miglior ragioniere». Infine il mercato. Si fanno sempre più insistenti le voci su un possibile arrivo di Torregrossa dal Pisa. Possanzini, a proposito della finestra invernale, puntualizza: «Dovessimo fare delle entrate, ne farei una. Ma deve essere mirata. Il fatto è che a mettere le mani in questo gruppo si corre il rischio di fare dei danni. Io dei miei giocatori sono contento. Li abbiamo scelti noi».