Tromba d’aria a Porto, il sindaco pensa allo stato di calamità

PORTO MANTOVANO Mentre cittadini, imprese e amministrazione tentano di riordinare la confusione e il disastro provocati dalla tromba d’aria che improvvisamente, in poco più di un minuto, nella giornata di domenica ha devastato il territorio di Porto Mantovano, scoperchiando capannoni, abbattendo alberature e pali elettrici, sventrando cantieri e recinzioni, gli uffici comunali hanno dato inizio alla conta dei danni e alla raccolta delle segnalazioni di cittadini, imprese e aziende. Al momento infatti, come specificato dal sindaco Massimo Salvarani non si esclude la possibilità di ricorrere all’istanza dello stato di calamità proprio come qualche anno prima, a seguito di simili condizioni meteorologiche avverse, aveva deciso di procedere il vicino Comune di Gonzaga. Sono stati attimi di paura quelli vissuti, nella giornata di domenica, dai cittadini di Porto Mantovano, che improvvisamente in poco più di un minuto hanno visto scatenarsi il putiferio. Tetti scoperchiati, tegole a picco su auto e asfalti, pali della luce e alberi abbattuti a terra, semafori danneggiati: questi sono solo alcuni dei danni a cui numerosi residenti hanno assistito. In particolare il forte vento ha preso di mira via Torino dove in alcune abitazioni e lungo la strada sono caduti alberi e piante e le tegole insieme ad un camino sono state portate via dalla forza della tromba d’aria. Danni molto simili sono stati registrati nella vicina strada Dosso ove sorge il cantiere delle scuole: qui il vento ha disperso recinzioni e il container solitamente utilizzato dagli operai edili. Caos e danni anche nella zona artigianale di via Bachelet, dove la furia del vento ha preso di mira, tra le tante, il capannone della ditta Etikmar, scoperchiando il tetto di quest’ultimo. Nei giorni scorsi e nelle prossime ore proseguiranno pertanto le operazioni di messa in sicurezza di strade ed edifici pubblici e privati colpiti dalle anomale condizioni meteorologiche, che purtroppo non sembrano rivelarsi più casi singolari, unitamente alla raccolta delle segnalazioni relative i danni riscontrati sul territorio comunale di Porto Mantovano. Come precedentemente detto, l’amministrazione comunale sta valutando la possibilità di presentare la richiesta dello stato di calamità, ciò potrebbe avvenire prossimamente, quando gli uffici avranno una stima chiara dei danni e delle problematiche segnalate sul territorio.
Purtroppo come dimostrato anche da precedenti eventi registrati sempre nei vicini territori del mantovano, questi fatti sembrano trasformarsi in qualcosa di ordinario. (ce.fri.)