Castelbelforte: in arrivo arredi ai giardini di via Petrarca e Boccaccio

Il sindaco: “Per le aree verdi in 5 anni di mandato abbiamo speso 120mila euro ”

CASTELBELFORTE Nel corso dell’ultimo consiglio comunale l’amministrazione di Castelbelforte ha comunicato lo stanziamento per l’acquisto di nuovi arredi e giochi per i giardini pubblici del quartiere posto tra via Petrarca e via Boccaccio. «Per l’intervento abbiamo disposto una variazione di bilancio – afferma il sindaco  Massimiliano Gazzani  -. Proseguendo nell’attività costante di rinnovo e integrazione di arredi e giochi per rendere più appetibili e fruibili per lo svago di bambini e giovani, l’amministrazione comunale si è impegnata a migliorare nella sua funzionalità e sicurezza i giardini di piazza Alberto da Giussano, piazza 4 Novembre e delle vie Don Cinzio Galli e Guido Rossa per una spesa complessiva che sfiora i 120.000 euro. Oltre ai tradizionali giochi con altalene e giostrine a dondolo anche l’ultimo parco oggetto delle nostre attenzioni sarà dotato di un castello con scivoli e una serie di panchine; il costo dell’intervento ammonta a 32.500 euro». Contestualmente l’amministrazione sta provvedendo al rifacimento dei vialetti dei giardini di località Campagnina che da tempo giacevano in condizioni di precarietà a causa del sollevamento delle radici degli alberi. «Un intervento – evidenzia Gazzani – necessario per evitare possibili problemi di inciampo e allo stesso tempo per abbellire il parco. Per questa specifica voce l’investimento è stato di 10.000 euro». La volontà dell’amministrazione Gazzani di sistemare e rendere più accoglienti, funzionali ed esteticamente belli i parchi di Castelbelforte non significa solo riqualificare gli spazi del paese ma vuol dire anche ridare centralità al concetto di comunità. Perché un parco sicuro e ordinato è di per sé il luogo per eccellenza dove incontrarsi, socializzare, permettere ai ragazzi e agli adulti di vivere relazioni sociali concrete, fatte di incontro e condivisione reale.

Matteo Vincenzi

1 COMMENTO