Fondazione Nuvolari di Roncoferraro: ecco il nuovo cda dei prossimi 5 anni

RONCOFERRARO – Il sindaco di Roncoferraro  Sergio Rossi  ha proceduto a nominare i nuovi consiglieri che andranno a comporre il nuovo Cda della Fondazione Antonio Nuvolari che gestisce la casa di riposo del comprensorio. Sono  Paolo Oliviero, Lena Stefanoni, Stefania Bianchi  e  Manuel Filippi  per la maggioranza e  Paolo Braganza  in rappresentanza della minoranza. Quest’ultimo è stato scelto su una rosa di tre nomi.
«Nel decreto di nomina – ha spiegato il primo cittadino – ho voluto dare rappresentanza alle varie anime che hanno costituito la mia lista. Nei prossimi ci sarà la convocazione del nuovo consiglio nell’ambito del quale sarà ufficializzato il nome del presidente e del vice. L’obiettivo è puntare alla qualità dell’offerta. Ringrazio ovviamente il cda uscente presieduto da Matteo Ponti per il lavoro svolto in questi anni». «La casa di riposo – ha aggiunto – offre un servizio importante al mandamento e lo fa bene rispondendo alle esigenze di un’utenza perlopiù bisognosa e fragile». La Fondazione Antonio Nuvolari è una struttura per anziani accreditata (convenzionata con la Regione Lombardia) che accoglie fino a 112 anziani non autosufficienti, dove vengono assistite patologie quali l’Alzheimer. Adiacente alla struttura si trovano quattro alloggi per un’ulteriore offerta di servizio assistenziale. Vengono inoltre garantiti un servizio di ospitalità temporanea a scopo riabilitativo e sociale per 6 posti non accreditati (non convenzionato con la Regione Lombardia) ed un servizio di Centro Diurno Integrato accreditato rivolto a una quindicina di persone. Fra i nuovi servizi offerti c’è quello di fisioterapia e cure fisiche per esterni e la cosiddetta “RSA Aperta”, un progetto sperimentale finanziato da Regione Lombardia con l’obiettivo di aiutare coloro che assistono a domicilio anziani affetti da demenza aventi almeno 65 anni o anziani non autosufficienti che hanno compiuto 75 anni. Aspetto non secondario è la collaborazione col territorio con la fornitura di pasti caldi in struttura o nella propria abitazione.

Matteo Vincenzi

1 COMMENTO