Basket A2 – La Pompea è ripartita. Cenna: “Ora bisogna sfatare il tabù casalingo”

pompa

Mantova Il successo colto mercoledì sera a Imola ha interrotto la mini serie di due sconfitte consecutive maturate alla Grana Padano Arena contro Ferrara e Montegranaro. La Pompea ha dunque ripreso il cammino vittorioso e dopo i primi cinque turni del ritorno è terza con 22 punti, insieme a Ferrara. «La squadra ha sfoderato una prestazione gagliarda – esulta il consigliere Paolo Cenna – i 18 punti di scarto sui bolognesi la dicono lunga. I ragazzi hanno ritrovato la serenità al tiro e si sono così riscattati dopo le due battute d’arresto interne. Questa vittoria potrebbe segnare la svolta per il torneo della Pompea».
Gli Stings, con il successo di Imola, hanno ancora una volta dimostrato di trovarsi maggiormente a loro agio in trasferta. «In effetti – conferma il dirigente biancorosso – lontano da Mantova abbiamo vinto parecchie partite, e talvolta con scarti vistosi. Per contro, alla Grana Padano Arena la squadra ha spesso stentato. Il tutto, a mio avviso, è riconducibile a un fattore mentale. Se i ragazzi sono sereni, riescono a esprimersi al meglio delle loro potenzialità. Ed evidentemente questo succede più facilmente in trasferta, anche se bisogna dire che un paio di partite in casa le abbiamo perse perchè gli avversari hanno azzeccato l’ultimo tiro».

Archiviata la vittoria di Imola, la Pompea avrà qualche giorno in più per preparare la prossima sfida interna contro Roseto: non si giocherà infatti domenica, bensì mercoledì sera alle 20.30. L’obiettivo è ovviamente invertire il trend casalingo e bissare il successo dell’andata. «Guai a sottovalutare l’impegno – avverte Cenna – Roseto è squadra che corre molto, da affrontare dunque con grande determinazione e serenità».

6 COMMENTI