Rotatoria di Medole, prevista per sabato l’apertura al traffico

In caso di maltempo sarà rimandata al 23 marzo

MEDOLE Sarà aperta al traffico con ogni probabilità già sabato prossimo la rotatoria di Crocevia di Medole realizzata nell’ambito dei lavori per la nuova tangenziale di Guidizzolo. Sabato 16 marzo, dalle ore 7 alle ore 19, è infatti prevista l’asfaltatura dei raccordi al rondò. Per questo sarà istituito un senso unico alternato sulla SP ex SS n. 236 “Goitese” in prossimità della rotatoria di località Crocevia con la contestuale chiusura della circolazione sulla SP n. 8 “Casaloldo-Pozzolengo”, nel tratto Medole-Solferino, in entrambe le direzioni di marcia, sempre dalle 7 alle 19. Non appena saranno ultimate le operazioni di bitumatura sarà aperta al traffico la rotatoria realizzata in prossimità dell’intersezione tra la SP ex SS n. 236 e la SP n. 8. Un’opera realizzata in 8 mesi (e ultimata in anticipo rispetto al cronoprogramma iniziale) che va a mettere in sicurezza uno degli incroci più pericolosi dell’intera rete viaria provinciale: in quella località, infatti, per gli elevati flussi di traffico e per la conformazione stessa dell’intersezione, vi furono parecchi incidenti, di cui molti anche mortali. in caso di maltempo l’apertura slitterà a sabato 23 marzo. Un ulteriore e importante passo per il cantiere della tangenziale di Guidizzolo. I lavori adesso si stanno concentrando in modo particolare per concludere nei prossimi mesi la rotatoria sulla galleria di San Cassiano; successivamente vi sarà del sub cantiere per la connessione con la Sp 15. Particolarmente soddisfatto per come sta procedendo l’opera il presidente dell’ente di via Principe Amedeo Beniamino Morselli: “L’attività e l’evoluzione del cantiere sono sotto gli occhi di tutti. I lavori sono costantemente seguiti dal personale dell’Area Lavori pubblici e trasporti della Provincia e grazie all’impegno del nostro personale tecnico e alla serietà e professionalità dell’impresa la tanto attesa tangenziale di  Goito sta finalmente diventando realtà”.

3 COMMENTI