Una Fiera delle Grazie nel segno del rispetto per l’ambiente

Longhi Federico

GRAZIE (CURTATONE) Si scaldano sempre più i motori dell’edizione 2019 dell’Antichissima Fiera delle Grazie (in programma dal 14 al 18 agosto), l’evento clou dell’estate curtatonese ma anche mantovana e non solo. Comune a lavoro, dunque per ultimare gli ultimi dettagli del cartellone in attesa della presentazione ufficiale che dovrebbe svolgersi ad inizio agosto, ancora una volta a Palazzo Ducale.
Novità e conferme, per un’edizione che annuncia già una delle prime scelte innovative di quest’anno: un’attenzione ancora più particolare alla natura ed all’ambiente: «piccole novità – spiega il vicesindaco ed assessore alla cultura Federico Longhi che con la collega Cinzia Cicola gestisce l’organizzazione della Fiera – che toccano l’aspetto ambientale, essendo Grazie nel Parco del Mincio. Questo vorremmo fosse il comune denominatore della manifestazione accanto ai madonnari, protagonisti indiscussi». E proprio gli eventi e tutte le iniziative in programma, su cui ora vige il massimo riserbo, dovrebbero essere definite nel corso della settimana corrente.
Intanto, ottimi riscontri arrivano anche dal concorso dei madonnari che ha già registrato un buon numero di pre-iscrizioni, segno di una continua ricerca di centralità e valorizzazione dell’arte madonnara: non a caso quest’anno, sono stati inseriti diversi premi in denaro ed è stato aumentato il badget, che ammonta a 40mila euro.
Un fiera, dunque che si annuncia nel segno di quanto sinora fatto, nell’obiettivo di migliorarsi sempre di più: «questa è l’ultima fiera del nostro mandato – conclude Longhi -. Andremo avanti nella continuità e nella valorizzazione delle peculiarità, come l’aspetto naturalistico: c’è una grande emergenza ambientale ed è importante dare messaggi positivi, soprattutto ai giovani».
Parallelamente alla definizione del calendario, proseguono gli incontri volti alla definizione del piano sicurezza che sarà messo in atto durante la manifestazione ferragostana.

3 COMMENTI