Quistello – Lavoro di squadra per l’ex materna di Nuvolato

Uno dei graffiti recuperati che decorava uno dei muri esterni della ex scuola materna
Uno dei graffiti recuperati che decorava uno dei muri esterni della ex scuola materna

Quistello In questi giorni si sta concentrando un importante lavoro di squadra sull’ex scuola materna di Nuvolato, popolosa frazione di Quistello: più che un lavoro di squadra vero e proprio si tratta di un doppio binario di intervento, il primo dei quali già concluso dagli Amici del Museo Gorni, e il secondo che potrebbe essere messo in campo a breve dal Comune di Quistello.
Tutto parte da un progetto di respiro ancora più ampio portato avanti dall’associazione che nel 2018 aveva avviato un’iniziativa pluriennale di restauro conservativo dei graffiti dell’artista (originario di Nuvolato) Giuseppe Gorni, presenti sulle facciate delle case del Comune di Quistello, in particolare a Nuvolato. Il primo stralcio lavori, che ha riguardato il recupero dei graffiti presenti sui muri dell’ex Scuola Materna di Nuvolato, si è concluso nelle scorse settimane grazie anche al sostegno di molti enti, associazioni e privati cittadini: in particolare la Fondazione Comunità Mantovana ha assegnato all’iniziativa un contributo determinante, oltre al Comune di Quistello, al Circolo Filatelico, Numismatico ed hobbistico di Gonzaga, e ad altre associazioni. L’associazione ha già presentato anche il progetto del secondo stralcio lavori che andrà ad interessare cinque graffiti del centro di Nuvolato, il cui recupero è previsto nel 2020 e per il quale Fondazione Comunità Mantovana ha voluto contribuire con 5mila euro. Si pensa di presentare un terzo stralcio nel 2020 per il recupero completo di tutti i graffiti.
Nel frattempo resta comunque un bell’edificio, quello dell’ex materna, che si può valorizzare in modo adeguato: come confermato dal sindaco  Luca Malavasi, c’è un progetto di riqualificazione di tutta la struttura per il quale è stato richiesto un contribuito dal Gal Terre del Po; ma per avere la conferma che i fondi richiesti arriveranno occorrerà attendere qualche giorno, non più in là comunque della fine di luglio.

3 COMMENTI