Calcio dilettanti – In Trentino oggi si gioca a porte chiuse. “Basta applicare le prescrizioni igienico – sanitarie”

pelli
Ettore Pellizzari, presidente del Comitato Provinciale Autonono di Trento

Trento Il Comitato Provinciale Autonono di Trento della Figc, unico nell’Area Nord, ha deciso di non sospendere l’attività in ambito regionale e provinciale. Si giocheranno quindi oggi le gare dei campionati di Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria, naturalmente a porte chiuse. Il presidente provinciale Ettore Pellizzari, tramite una lettera indirizzata ai vertici della Lnd, aveva chiesto chiarimenti sulla “questione medica” ed evidentemente deve aver ricevuto rassicurazioni in tal senso. «Nella sostanza – spiega Pellizzari dalle colonne del  Trentino – è stato specificato che l’obbligo dei controlli tramite il personale medico vale solamente per le società che federalmente hanno l’obbligo dell’assistenza medica in occasione delle gare. Per le altre società sarà necessario e sufficiente fare applicare scrupolosamente le prescrizioni “igienico – sanitarie” contenute nel decreto: in primis accertarsi che tutte le persone coinvolte non presentino alcun sintomo di malattia, in particolare febbre, tosse o congiuntivite. E poi c’era un’evidente incompatibilità tra il comma 1 lettera a e il comma 1 lettera c dell’articolo 1. Nel primo punto si parla di sospensione di congressi, riunioni, meeting ed eventi sociali, in cui è coinvolto personale sanitario o personale incaricato dello svolgimento di servizi pubblici essenziali o di pubblica utilità; nel terzo dell’obbligo, per tutte le società, di dotarsi di personale medico. Ecco perché siamo arrivati a questa decisione, dopo aver ricevuto un documento che fuga ogni dubbio a riguardo».

3 COMMENTI